FANDOM


File:Lydia Anderson, Tsunkatse.jpg
Joyce Lasley, Homestead

Lydia Anderson in 2378

Lydia Anderson era un Marinaio, membro dell'equipaggio della USS Voyager. Era assegnata all'ingegneria e alla sicurezza durante la sua permanenza con la Voyager nel Quadrante Delta.

Nel 2371 fece parte della squadra di sicurezza che accompagnò il Capitano Janewey alla Serra Idroponica per fermare Kes, che si era trasportata indierto nel tempo. Lydia e gli altri ufficiali della sicurezza ebbero uno scontro a fuoco con dei Vidiiani che tentarono di abbordare la Voyager (VOY: "Furia") Lydia, con un'acconciatura diversa, era uno degli ufficiali della sicurezza che accolse Sette di Nove e che punto il fucile phaser contro un guerriero hirogeno a bordo della Voyager.(VOY: "Tsunkatse")

Lydia servì come guardia di sicurezza per due prigionieri feriti che vennero teletrasportati direttamente in Infermeria nel 2377. Rimase a lungo a fare di guardia all’infermeria insieme ad Ayala. (VOY: "Rimorso")

Lydia Anderson

Il profile di Lydia Anderson su Quarra

Nel 2377, le venne fatto il “lavaggio del cervello” dalla spercie dei Quarren, dopo che irradiarono la voyager con delle radiazioni e fecero evacuare l’equipaggio. Trascorse circa tre settimane nella città principale di Quarra, come quasi tutto il resto dell'equipaggio. I suoi ricordi vennero alterati e così era ignara di essere stata rapita. Anderson apparve nel file di Tuvok sul computer. (VOY: "Forza lavoro – prima parte", "Forza lavoro – seconda parte")

Anderson, William McKenzie e Keith Rayve erano in Sala Mensa quando Neelix distribuì i chip per comunicare con il Quadrante Alpha. (VOY: "L’autore, l’autore")

Era uno dei membri dell’equipaggio in fila lung oil corridoio per salutare Neelix quando lui lasciò la nave per stare con Dexa e Brax (VOY: "La colonia")


Informazioni di retroscenaLydia Anderson venne interpretata dall’attrice Joyce Lasley, una delle regolari attrici di retroscena di Star Trek: Voyager, ma il suo ruolo non è stato accreditato.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-NC a meno che non sia diversamente specificato.