FANDOM


"Ode per Spot" è una poesia composta da Data e dedicata al suo gatto, Spot. È scritta in eptametri giambici. (TNG: "Sonni pericolosi")

Felix Cattus
Così suona il tuo epiteto tassonomico
carnivoro per natura, quadrupede endotermico.
La tua vista, il tuo udito, il tuo olfatto superiore
ti hanno reso da sempre un provetto cacciatore.
trovo così intriganti le tue subvocali oscillazioni,
le tue armoniose, esigenti comunicazioni
che si accompagnano alla tua edonistica necessità
di essere accarezzato con affetto, simpatia e voluttà.
La tua coda è essenziale
alle tue acrobatiche evoluzioni e spesso ci rivela
il reale stato delle tue emozioni.
Senza di essa come sarebbero i tuoi movimenti?
Certo meno facili, sicuramente meno eleganti.
Oh Spot!
I tuoi complessi livelli di comportamento
denotano un'apprezzabile capacità di ragionamento.
Io sono più che certo, Spot che comprendi
se ti dico che io ti considero
un leale, un sincero, un vero
grande amico.


Nel 2369 la poesia ha preso il posto di alcuni file nel computer principale dell'Enterprise quando elementi del programma personale di Data sono stati accidentalmente caricati nel nucleo del computer durante un esperimento su un'interfaccia tra esso e la rete neurale di Data e hanno sostituito il sottoprogramma C-47 che controlla l'accesso all'archivio del computer e la programmazione ricreativa (nessun sistema vitale). Uno dei file sostituiti è il testo della commedia Qualcosa a colazione della Dottoressa Crusher. Un'epurazione progressiva della memoria alla fine ha corretto il problema. (TNG: "Per un pugno di Data")

Continua la lettura

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-NC a meno che non sia diversamente specificato.